LA MODA…SENZA LIMITI.

 

Essere in su una sedia a rotelle, non significa trascurarsi  perdo la stima di se stessi e quindi, anche la voglia di curare il proprio aspetto esteriore  perdere cioè il desiderio di essere belle  e di farsi ammirare. Purtroppo come sappiamo il binomio moda-disabilità non è così frequente, ma qualcosa sta cambiando..

>Purtroppo nel mondo, e soprattutto qui in Italia si fa ancora fatica ad accettare modelle disabili, perché si affianca sempre una figura “perfetta”, all’abito. Oggi si stanno facendo battaglie per bloccare alle modelle troppo magre di sfilare in passerella. Immaginiamoci se si presenta una ragazza in carrozzina seppur bella, come verrà vista dagli stilisti?

Siamo lontani da aperture mentali tali da far entrare nell’alta moda la disabilità, per quanto qualcosina si è fatto e si sta facendo, ma ben poco se ne parla< ( dal web)

Per esempio, in Inghilterra nel 2008 la Bbc ha trasmesso Britain’s Missing Top Model, un reality show con protagoniste otto aspiranti modelle disabili sulla falsa riga dell’olandese Miss Ability, andato in onda due anni prima registrando il pieno di ascolti.

Oppure, in Belgio la designer Tanja Kiewitz, senza un avambraccio, è diventata notissima dopo aver posato per una campagna di sensibilizzazione ideata dalla onlus Cap48.

Per conzetinuare…Già dalla sua prima edizione, Modelle e Rotelle era riuscita a catalizzare parecchia attenzione e interesse.

> L’iniziativa è voluta, appunto, da Vertical Onlus, la Fondazione Italiana per la Cura della Paralisi,che con questo progetto intende non solo diventare un punto di riferimento nazionale per la  cura dei danni al midollo spinale, ma anche coinvolgere sempre di più la comunità in campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica riguardo tematiche legate alla prevenzione della lesione midollare, alla ricerca scientifica, alla qualità   della vita e al volontariato.

il primo dicembre 2012  Roma ospitòl’iniziativa Modelle e Rotelle, il concorso di moda riservato a modelle in piedi e in carrozzina, dopo il successo della prima edizione l’anno precedente.  format vedrà sfilare, all’Hotel Sheraton della capitale, una modella in carrozzina accompagnata da una in piedi, che indosseranno vestiti d’alta moda dei migliori stilisti italiani. Circa 800 persone.

Ma solo lo scorso Febbraio per la Milano Fashion Week Inclusive 2018 hanno sfilato modelle in carrozzina.

>Si tratta di una delle più importanti kermesse promosse in Italia dove i protagonisti sono modelle e modelli con disabilità. L’evento è organizzato dall’agenzia Iulia Barton in collaborazione con Fondazione Vertical, onlus italiana per la cura delle paralisi midollari, con il patrocinio della Camera Nazionale della Moda italiana. < (dal web)

Un enorme passo avanti in questa società stereotipata su canoni di bellezza e perfezione. Nella speranza che con questa mossa di sensibilizzazione, il mondo della moda, lanci una nuova tendenza che vada ad abbattere le barriere mentali.

 

VIVIANA GIGLIA

About The Author

Related posts